Home » Non solo master » LE CRONACHE DI VALERIO ZULIANI » SALMOUR .... FESTA DI PROMAVERA

SALMOUR .... FESTA DI PROMAVERA

SALMOUR .... FESTA DI PROMAVERA - MASTERCROSSMTB

Gran Premio Vamac in Bici

Andrea Gallo e Adriano Bungaro sullo strappo di Salmour 

 

Salmour (Cn), 28 marzo 2015 – Finalmente una giornata di primavera, un sabato pomeriggio che ci concilia con i buoni propositi e ci permette di affrontare la giornata con sano ottimismo.

Oggi siamo a Salmour per disputare il Gran Premio VaMaC in Bici, sul classico giro leggermente ondulato di quasi 18 km, da fare 4 volte, per un totale di 70,8 km. Purtroppo le piogge dell’inverno hanno reso le strade un colabrodo ma noi ci siamo armati di pala e catrame e abbiamo tappato almeno i buchi più pericolosi.

Nonostante le diverse concomitanze, sono 190 i corridori che si presentano ai nastri di partenza.

I primi a prendere il via sono i 102 concorrenti sotto i 47 anni che, manco a dirlo, partono subito a tutta.

Nasce presto una fuga, con il duo del Pedala Sport Canale, Gallo/Carlevero, seguito da Rivetti, Monge Roffarello e Ferracin. Quando transitano al primo giro sulla linea del traguardo, il vantaggio è di soli 250 metri sul gruppo tirato da Enrieu, Venezia e Marco Morra. In breve tempo avviene il ricongiungimento ma nel corso della seconda tornata, Gallo attacca ancora e questa volta con lui vanno il compagno Geraci e ancora Rivetti. Il vantaggio, a metà gara sale a 1’ su Caporali e Bono che inseguono anticipando tutto il gruppo.

Il vantaggio dei tre fuggitivi si riduce nuovamente e, al suono della campana, sembra debba avvenire di nuovo il ricongiungimento, ma la fuga si rianima, con Gallo che non si dà per vinto e invita gli altri a fare altrettanto. Ne fanno le spese, prima Geraci e poi Rivetti, che vengono riassorbiti dal plotone. Gallo affronta gli ultimi chilometri di corsa in solitaria ma ormai alle sue spalle si pensa solo più al secondo posto.

Andrea Gallo taglia il traguardo di Salmour alle 16,18 di questo bel pomeriggio assolato, alla media di 44,010 km/h. A 30” dal vincitore, dopo essere scappato all’ultimo chilometro al marcamento del gruppo, si presenta Marco Monge Roffarello e, subito dopo, Walter Pacchiardo supera con uno sprint all’ultimo metro, il brillante Simone Marchiori, Luca Roberi e Alessandro Picco. Seguono, Lenza, Altare, Lavagna, Peluffo, Finotto, Grimaldi, Carlevero, Ferracin, Mario Chiaramello e Desco.

Gli 87 over 48 partono un po’ più piano ma neanche troppo. Tra essi, anche tre ragazze.

Al primo passaggio sotto l’arrivo il gruppo si presenta compatto, tirato da Marletta, Panepinto, Piacenza, Baietto e Grappeja, ma già nel secondo giro nasce la fuga decisiva con Adriano Bungaro, l’uomo del momento, e Massimo Grappeja, che transitano, a metà corsa, con un vantaggio che sfiora già il minuto. Al suono della campana sono solo più 25 i secondi che separano i battistrada dagli inseguitori ma sono sufficienti per resistere ancora un’ultima tornata.

Ci appostiamo nei presi del traguardo per vedere chi arriva e in lontananza vediamo i due fuggitivi che si preparano a disputare la volata finale. Nessuno dei due è un velocista e fare un pronostico diventa difficile. Li vediamo ondeggiare e avvicinarsi al traguardo, dove il primo a transitare è ancora Adriano Bungaro che lo taglia alla media di 41,695 km/h, con Grappeja che gli arriva di fianco.

Il gruppo, anzi un gruppetto di inseguitori che era riuscito a staccare il plotone, è a soli 12” ed è regolato da Ostorero su Mello Rella (1° sgA), Piacenza, Marletta (2° sgA), Ragazzini, Vallerga, Giolitti, Buttaglieri, Ginestra, Gaggero, Batilde, Dell’Atti e Sacco.

Lo sprint del plotone è vinto da Alparone su Longo, Alberici, Bonato, Benissone, Fazzone e Camillò. Subito dopo arriva il primo sgB, Angelo Bagnasco, che in quella classifica precede Pavese, Maritan, Giuliano, Isoardo, Punturiero e Soffietti. Unica ragazza al traguardo è Eugenia Caruso.

Facciamo ritorno al Bar Avenida, dove non mancano i commenti sulle prestazioni dei due vincitori di giornata e sulla loro ostinazione a non lasciarsi raggiungere, sia da soli, sia in compagnia di validi compagni d’avventura.

In breve tempo sono pronte le classifiche e si può dare inizio alla premiazione con una graziosissima miss che porge baci e fiori ai vincitori, mentre la signora Milesi consegna loro il premio spettante. La premiazione prosegue per tutti i classificati e infine la giornata si chiude con i prossimi appuntamenti, che sono sabato 4 aprile a Racconigi con la 2ª serie e lunedì di Pasquetta, 6 aprile, a Baldissero.

 

Le foto della corsa e premiazione finale sono consultabili cliccando sul seguente collegamento:

https://plus.google.com/photos/110336262776895138773/albums/6131942208517817041

 

Valerio Zuliani