Home » Gare » MASTER PALZOLA 2016/2017 » CASALE MONFERRATO 27-11-2016

CASALE MONFERRATO 27-11-2016

I BORINI , VALSESIA E BERTOLOTTI INCANTANO CASALE MONFERRATO

I BORINI , VALSESIA  E BERTOLOTTI INCANTANO CASALE MONFERRATO - MASTERCROSSMTB

I BORINI , VALSESIA  E BERTOLOTTI INCANTANO CASALE MONFERRATO

La sua faccia da bravo ragazzo e la sua serietà professionale ci hanno convinto ad affidargli una prova, l’undicesima del Criterium Palzola nella sua Casale Monferrato e lui, Fabio Marchisotti, ci ha ripagati con una organizzazione di ottima fattura su un percorso davvero gradevole all’interno  di un bellissimo parco che l’amministrazione comunale ha gentilmente concesso insieme al patrocinio. Puntuale come un treno svizzero, Gianni Riconda fa partire  i gentleman 1 e subito notiamo la scaltrezza di Angelo Borini che si mette a ruota di Davide Visentin e … collabora poco, il motivo è che aspetta che giunga il suo compagno di squadra Massimo Valsesia ( ancora imbattuto) partito un minuto dopo come gentleman 2 e infatti , quando al terzo giro piomba sui due inizia lo show, neanche il tempo di respirare che partono insieme  lasciando sul posto Visentin che reagisce  per non cascare nella morsa e poi cerca di contenere il distacco che inizialmente s’assesta attorno ai 10/12 secondi ma alla fine l’orgoglio non basta più e per i duo delle meraviglie è un gioco da ragazzi arrivare insieme, mano nella mano ed entrambi vincenti  che la Nikon di Giuliana Buschini immortala per il web. Stessa identica situazione per i super A/B dove ben presto Gaetano Sartor  ( super A) e  Vigilio Berti ( super B) si trovano insieme, Sartor ne ha di più  e  tira sempre lui, a Berti conviene stare a ruota  per farsi trainare e il patto del … Nazareno è servito, arrivano anche loro insieme , felici , sorridenti  e in parata per una foto storica sotto il gonfiabile griffato Palzola. Non inverte la rotta il veterano 2 Orlando Borini e con quella maglia tricolore che ne certifica il valore , se ne va alla sua maniera già alle prime curve inseguito disperatamente dal leader  di categoria Vincenzo Crivellari che si consola col  secondo posto anticipando il suo compagno di squadra Paolo D’Orazio. Il ciclocross parla una lingua semplice, di facile comprensione ed è normale che siano le anime semplici ad esserne  i  portabandiera , come Alessio Bertolotti per esempio,  che alimentava la fuga dei  veterani 1  insieme a Corrado Mercandino e  Isacco Colombo, ma a due giri dalla fine Colombo cadeva  rovinosamente e a questo punto  Bertolotti e Mercandino si fermavano, prestavano soccorso allo sfortunato compagno di fuga e , solo dopo riprendevano a lottare e alla fine è Alessio Bertolotti a trionfare fra gli applausi dei presenti , su  Mercandino e Colombo che ancora una volta certifica che il nostro Criterium Palzola ha qualcosa di speciale , inimitabile e da libro cuore. Spumeggiante come le bollicine dello spumante d’Asti , questa in sintesi  la solita convincente galoppata solitaria del debuttante  baby fenomeno Bum Bum Ballini che domina su Jacopo Barbotti, Biagio Borella e Giacomo Coppo. Bella e convincente la vittoria della giovane Lauretta Vecchio che si libera subito di Silvia Bertocco e poi tira i remi in barca in attesa che rientri la più forte delle donne B, Daniela Di Prima per poi collaborare fino alla fine per un arrivo delizioso , abbracciate e sorridenti. Le altre vittorie vanno al senior 1 Stefano Missaggia che anticipa Eugenio Lamia e Marco Cusati, a Mauro Benetello che mette le sue ruote davanti a quelle del capoclassifica Stefano Martinotti e infine negli junior è Christian Salton Basei a portare a casa gli applausi del folto pubblico e la vittoria di prestigio su Marco Violi. Ottimo l’operato della giuria che in meno di mezz’ora ci fornisce tutte le classifiche e ottimo il ristoro della Effebike  che ha deliziato tutti. Prima delle premiazioni il microfono passa al vice sindaco Angelo Di Cosmo che ha parole al miele per la società organizzatrice e in modo particolare per Fabio Marchisotti che ha fatto un gran lavoro e poi via alle premiazioni fra battute e sorrisi larghi così, peccato per Fabio Tomasi che è scivolato proprio all’ultima curva e si fatto male ad una gamba, non ci voleva ma , si consola leggendo sui social tutte le dediche e gli auguri che il popolo  del ciclocross gli fa pervenire e tramite noi ringrazia tutti per il calore dimostrato.

Carmine Catizzone