Home » Gare » MB MARCELLO BERGAMO CUP 2017 » CANDELO 3/9/2017

CANDELO 3/9/2017

NELLA SAVANA BIELLESE BRINDANO GLI AMICICLO

NELLA SAVANA BIELLESE BRINDANO GLI AMICICLO - MASTERCROSSMTB

 NELLA SAVANA BIELLESE BRINDANO GLI AMICICLO

 

Anche l’Italia ha la sua savana e si trova a Candelo (Biella), sede di tappa della 18^ prova del famoso Master MB Bergamo Cup. Il percorso , interamente disegnato su sentieri e praterie erbose dell’ampio pianoro rialzato rispetto a Candelo, è la caratteristica principale che Fabrizio Gulmini , guru dell’informazione ed eccellente speaker e web master, esalta sapientemente prima di dare lo start ai centotrenta iscritti vogliosi di trasformarsi , più che in gazzelle, in famelici leoni. Primi a partire questa volta sono i senior 1 e subito le sagome gigantesche di Roberto Busatta e Alessandro Fumagalli si staccano dal gruppo per inscenare una bella bagarre che alla fine si risolve a favore di mister basettoni, alias Roberto Busatta mentre per i … cugini e senior 2 bisogna domandare alla zingara per un pronostico, visto che Dieguito Salmoiraghi e Riccardo Ornaghi sono incollati come il tergicristallo al parabrezza. La lente d’ingrandimento fissa l’uscita del boschetto che immette alla savana dov’è posto l’arrivo e quando la voce amplificata di Gulmini annuncia la volata s’intravede il Clamas Salmoiraghi che prende in testa il vialone d’arrivo dimostrando più … fame, più rabbia, sicuramente più determinazione e vince per una dedica speciale alla moglie Stefania ma, Ornaghi ha dato tutto e merita rispetto. La gara dei veterani è stata una sciccheria per merito dei due alfieri dell’Hr Team Mauro Rebeschi e Maciste Agostinone che si sono divertiti più degli altri. Si sono presto trovati insieme e come i Freccia Rossa rispettano gli orari senza fermate travolgendo le loro categorie. Vince ancora e col tempo assoluto, il veterano 2 Agostinone per meno di amen , solo 4 decimi di secondo il ritardo di Rebeschi che è secondo assoluto e primo dei veterani 1 e quando Gulmini spiana il microfono ad Agostinone, questi ha parole al miele per il suo co-capitano:” Ha fatto tutto lui, ha tirato per il 99% della gara, io ho solo fatto la volata, onore e merito al mio “brother” Rebeschi! E l’altro pezzo da novanta Carmelo Cerruto ? Bhè, siccome ha perso la domenica prima, s’è prontamente ripreso la scena nella savana correndo e zompettando come una gazzella facendo esattamente quello che voleva ai danni di Aurelio Migliavacca ed Enrico Pittaluga per un podio tutto Hr Team che manda in delirio patron Biagio Celozzi che gode come un bimbo al luna park. Senza ombre stavolta, la netta vittoria dello junior Manuel Ballinetor che se non rompe la bici, cade o buca arriva sempre primo e stavolta lo fa ai danni di Amedeo Iobbi e Marco Raimondi. Bellissime le vittorie dei nostri ragazzini, il primavera Andrea Belotti, faccia da bravo ed educatissimo ragazzo e il debuttante Bum Bum Ballini, in questa savana così …. calda ed accogliente hanno sbattuto la loro superiorità in faccia a tutta la concorrenza arrivando come delle star tra applausi e foto che fanno il giro dei social e dei vari siti web quasi in diretta. Torna a rombare anche il potentissimo motore di Marco Previde Massara, gentleman 2 , che con orgoglio e personalità attacca in ogni angolo della savana , soprattutto in salita dimostrando una condizione davvero invidiabile ma, Massimo Valsesia non è lontano , solo 25 ‘’ li separano mentre più ampio è il divario con Alessio Fangazio che accusa oltre due minuti. Il .. vecio e super B Lucio Pirozzini, come al solito stende le ambizioni dei suoi rivali, oggi Gianni Roncon e Matteo Petrucci e poi attende l’arrivo dei suoi compagni di squadra e super A Giuliano Garlaschè , ancora felice e vincente e Aldo Allegranza che perde per soli 4 secondi . Nulla di nuovo nelle pedalate rosa con le solite capo classifiche Lauretta Vecchio ( donne A) e Katrin Oerthel ( donne B), che vincono senza poi dannarsi più di tanto. Nella tenuta “La Mandria” che gentilmente ha offerto la location si sono tenute le belle e corpose premiazioni abilmente gestite da Fabrizio Gulmini che ad un certo punto passa il microfono al Presidente Stefano Tomasi che ha speso belle parole per lo staff della Mb Bergamo Cup, per lo speaker Fabrizio Gulmini, per Gianni Riconda e per tutti i suoi ragazzi che in allegria hanno saputo regalarci emozioni e amicizia, una settimana intensa – ha detto convinto- col chiaro intento di divertire e divertirsi in un clima di serena armonia e amicizia. Grazie Amici del Ciclo, siete una fonte di soddisfazione per un ente come Acsi e per noi organizzatori , in tutto quello che fate ci mettete l’anima, ci vediamo alla vostra gara di ciclocross , quella della famosa girella con la quale ci divertiremo ancora.

Carmine Catizzone